Ingrossamento del pene

L’ingrossamento del pene si ottiene con una liposcultura che può essere eseguita insieme alla plastica di allungamento.

E’ un intervento rapido e poco invasivo che permette buoni risultati senza impiego di materiali estranei, infatti il lipofilling è un innesto di tessuto adiposo prelevato dal proprio corpo (auto innesto) ed  è detto anche Lipostruttura. Presenta il vantaggio di utilizzare un tessuto proprio e che non implica alcun rischio di rigetto. Può essere eseguito in anestesia locale con sedazione in regime ambulatoriale.

L’intervento chirurgico viene eseguito in fasi successive: nella prima si segue un prelievo del tessuto adiposo con sottili cannule da un’area corporea che ha tessuto adiposo in eccesso, preferibilmente in sede sovrapubica. In questo modo riducendo il pannicolo adiposo sovrapubico si ottiene anche un effetto visivo di allungamento del pene che è spesso “coperto” dal tessuto adiposo in eccesso. Il tessuto adiposo viene poi purificato e si procede all’innesto tra la cute e i corpi cavernosi attraverso due piccole incisioni. Dato che l’innesto attecchirà solo in modo parziale inizialmente viene iniettato un volume superiore a quello necessario perchè una parte è destinata a non attecchire e quindi a riassorbirsi. Non è ancora possibile avere la certezza a priori in che percentuale esso effettivamente attecchirà, ovvero non è possibile prevedere in modo assoluto il risultato, data l’imprevedibilità del riassorbimento del tessuto adiposo innestato. Nel caso fosse necessario, a distanza di 3-6 mesi può essere effettuato un nuovo lipofilling per incrementare il volume con minori probabilità di riassorbimento. Il tessuto adiposo trapiantato si comporterà  come qualsiasi altro tessuto adiposo accrescendosi di volume se il paziente aumenterà  di peso o riducendosi se questo si dimagrirà.

Pur non essendo quantificabile preoperatoriamente l’aumento di circonferenza essendo estremamente variabile da paziente a paziente è prevedibile un aumento del 15-30%.

Dopo l’intervento può essere ripresa la normale attività quotidiana eccetto quella sessuale che potrà essere ripresa dopo 4-6 settimane.

Complicanze

Nell’area di prelievo e in quella dove viene seguito l’innesto possono osservarsi lievi asimmetrie tra i due lati o irregolarità  cutanea-sottocutanea.
Ecchimosi sono frequenti e non debbono essere esposte al sole fino al loro completo riassorbimento.
Ematomi sono infrequenti al pari delle infezioni, che se insorgono, debbono essere trattate con antibiotici e raramente con provvedimenti chirurgici.

RICHIEDI LA TUA CONSULENZA GRATUITA
Senza alcun impegno, contattaci per parlare del tuo caso specifico.

    RICHIAMAMI
    Inserisci il numero per essere ricontattato

      Inserendo il numero telefonico autorizzi al trattamento dei datiinseriti. Privacy

      Num. Verde
      Contatti
      WhatsApp