Occhiaie: come eliminarle

Le occhiaie sono tra gli inestetismi più diffusi, sia tra i giovani sia tra gli anziani, e in molti casi è possibile intervenire con il correttore oppure con rimedi naturali; tuttavia non sempre bastano i cosmetici e gli impacchi per eliminare il colorito bluastro sotto gli occhi, infatti, in alcune circostanze è necessario rivolgersi al chirurgo plastico per eliminare il problema definitivamente.

Rimedi naturali e cosmetici contro le occhiaie

Un rimedio antico e sempre efficace contro gli inestetismi degli occhi sta nell’applicazione di due fette di cetriolo sulla zona interessata dalle occhiaie. Il cetriolo è un toccasana in quanto contiene un elemento prezioso come lo zinco; inoltre l’ortaggio in questione è in grado di eliminare le macchie e decongestionare il tessuto epidermico, perché si tratta di un antinfiammatorio naturale. Oltre a sgonfiare le borse, l’applicazione assicurerà un aspetto più giovane alla pelle.

Gli infusi di camomilla, rosmarino, malva e petali di rosa sono un rimedio fai da te per decongestionare la zona intorno agli occhi. Dopo aver fatto raffreddare l’infusione bisogna filtrarla e applicarla sugli occhi, imbevendo i dischetti di cotone che normalmente vengono usati per struccarsi. Per chi non avesse tempo di preparare l’infusione, basterà applicare due bustine di camomilla per ottenere un risultato analogo.

Le maschere di argilla, invece, possono eliminare le tossine che causano l’inestetismo, svolgendo un’azione antinfiammatoria e bilanciando il sistema microcircolatorio del sangue; è soprattutto l’argilla rosa a rinnovare le cellule, motivo per cui viene applicata soprattutto dalle persone con una pelle matura.

Non esistono solo i rimedi naturali per eliminare le occhiaie; i cosmetici, soprattutto i prodotti specifici per il contorno occhi, possono aiutare a risolvere il problema: in molti casi sono composti da elementi naturali, in grado di sgonfiare la zona intorno agli occhi; i prodotti a base di caffeina, per esempio, agiscono rinforzando i capillari.

Nonostante il correttore sia molto utilizzato, è bene sapere come usarlo in modo adeguato: si deve partire dall’interno dell’occhio, man mano applicandolo verso la zona esterna, sia sulla parte inferiore della palpebra sia su quella superiore. L’effetto migliore, ossia quello più naturale, si ottiene scaldando e sfumando il prodotto con le dita. Infine, il correttore deve essere fissato con un leggero strato di cipria.

La chirurgia plastica elimina per sempre le occhiaie

Impacchi, applicazioni di cetrioli e cosmetici possono ridurre le occhiaie ma non eliminarle del tutto. Se si desidera risolvere il problema in modo definitivo, è necessario ricorrere alla chirurgia.

Le occhiaie possono essere rimosse con un intervento poco invasivo, in anestesia locale. Sarà il chirurgo, con una visita accurata, a individuare la soluzione ideale, a seconda del tipo di inestetismo. Il trattamento chirurgico più efficace per eliminarle è il lipofilling: consiste nell’asportazione di grasso autologo, da un’area donatrice, e nel successivo impianto nella zona delle occhiaie.

Il tessuto adiposo, iniettato sotto gli occhi, riempie la zona in cui si sono formate le occhiaie ripristinando la situazione naturale. Il lipofilling è una valida alternativa ad altri rimedi, come l’utilizzo dell’acido ialuronico, che non garantisce risultati permanenti. Il lipofilling rappresenta una soluzione duratura, che esclude la possibilità del rigetto da parte dell’organismo in quanto le cellule di tessuto adiposo, impiantate nella zona delle occhiaie, appartengono al soggetto che si sottopone all’intervento.

Il lipofilling è un tipo di intervento rivoluzionario che garantisce anche una riuscita perfetta: non lascia cicatrici visibili in quanto il foro, praticato per l’impianto del tessuto adiposo attraverso una microcannula, viene rimarginato utilizzando cerottini sterili in luogo dei tradizionali punti di sutura.

Al termine dell’operazione il paziente è in grado di tornare alla vita normale, senza alcuna controindicazione.

Articoli correlati